Loading...
Musicisti

Alessandro Pivetti

Foto

Video

Se non riesci a vedere correttamente il video, clicca qui
Se non riesci a vedere correttamente il video, clicca qui
Se non riesci a vedere correttamente il video, clicca qui
Se non riesci a vedere correttamente il video, clicca qui
Se non riesci a vedere correttamente il video, clicca qui

Biografia

Da piccolo sognavo di fare il pianista classico, da adolescente mi sono ritrovato in una band rock. Al mio diploma di pianoforte ho suonato Beethoven come fossi Mick Jagger.

Ho frequentato uno strepitoso pianista jazz in uno dei peggiori bar di Caracas e ho deciso di iscrivermi a composizione per poter capirci finalmente qualcosa in tutti quegli accordi. Del pezzo per orchestra che ho composto per la prova finale del diploma di composizione (dopo dieci anni di studio folle) non ci si capisce quasi niente.

Nel frattempo mi sono trovato a suonare organi cinquecenteschi in una chiesa e a dirigere un coro polifonico mentre scrivevo musiche per festival di arte contemporanea, documentari e per il teatro di ricerca. Ora sono un arrangiatore orchestrale.

Racconto che la musica è meravigliosa e che c’è musica e musica e anche che la musica sa dire quello che noi non riusciremo mai a esprimere. Tutto questo lo dico con le parole e con la mia musica.

Esperienza

Ho collaborato alla realizzazione del “Te Deum” di Berlioz con le orchestre Mozart, Cherubini e Giovanile Italiana diretti dal maestro Claudio Abbado a Bologna nell’ottobre 2008.

Dal 2009 lavoro come musicista e compositore delle musiche degli spettacoli del Teatro dei Venti di Modena (Il tempo dei migranti, 2010; Quotidiano scadere, 2011; InCertiCorpi, 2014; Padri e Figli 2019).

Dal 2014 ho curato l’arrangiamento e la trascrizione delle parti per orchestra del concerto in occasione dell’anniversario della morte di Luciano Pavarotti. In tali occasioni ho collaborato con Massimo Ranieri, Nel, Raphael Gualazzi, Vittorio Grigolo.

Nel 2018 da vita al progetto “Double Exposure” con il sassofonista Gianni Vancini. Legati dal timbro pianistico, classica e jazz si incontrano e raccontano più di un secolo di musica passando da Bonneau, Creston, Debussy a Woods e Piazzolla, fino a giungere ai nostri giorni con opere originali degli artisti.

Approfondimenti

Quanto dura la tua esibizione?

1 ora

Quanto tempo prima vuoi essere contattato?

Due settimane

Fai trasferte?

Sì, in tutta italia

Hai bisogno di attrezzature particolari?

un pianoforte

Servizi aggiuntivi

Cover
Nessuna recensione disponibile

Ti suggeriamo anche

Questa funzionalità sarà disponibile a partire da Marzo
This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.